Dieta per la Miastenia Gravis: come mangiare per una salute migliore

Dieta per la miastenia grave: come mangiare per una salute migliore

Uno stile di vita sano e una dieta equilibrata possono apportare grandi benefici alle persone affette da Miastenia Gravis (MG), migliorando il loro benessere e creando condizioni ottimali per la gestione della malattia.

Questo articolo fornisce una panoramica delle 10 migliori raccomandazioni supportate dalla scienza per aiutare le persone affette da MG a ottimizzare la loro alimentazione per una salute migliore.

  1. Mangia sano
  2. Ottimizza i tuoi livelli di vitamina D3
  3. Mangia probiotici e prebiotici tutti i giorni
  4. Dai la priorità agli alimenti antinfiammatori
  5. Gestisci gli effetti collaterali dei farmaci con la dieta
  6. Fai pasti o intere giornate a base di alimenti integrali e vegetali
  7. Prova il decotto Fufang Huangqi (se disponibile)
  8. Evita il digiuno
  9. Se necessario, segui alcuni suggerimenti per facilitare la deglutizione
  10. Mantieni uno stile di vita sano

1. Mangia sano

Quale dieta è la migliore per la salute?

Adottare una routine alimentare sana è importante per tutte le persone che hanno a cuore la propria salute, ed è ancora più importante se si soffre di una malattia come la MG.

Ma cosa significa mangiare sano?

Ecco un breve riassunto con alcuni consigli pratici e link a ulteriori risorse per approfondire.

Componi i tuoi pasti con nutrienti sani

Una routine alimentare sana è un modo di mangiare basato su pasti sani, e un pasto sano è un pasto basato su cibi "veri" e integrali che possono nutrire il tuo corpo attraverso i seguenti 8 nutrienti fondamentali.

Carboidrati

Le fonti più salutari di carboidrati sono i cereali integrali. Alcuni esempi sono il grano integrale, il farro, l'orzo, i cereali interi in generale (consumati in chicchi), la quinoa, l'avena, il riso integrale e gli alimenti preparati con essi, come la pasta e il pane integrali.

Proteine

Le fonti più sane di proteine sono il pesce, il pollame, i legumi e la frutta secca. Meglio invece limitare le carni rosse e i formaggi grassi, ed evitare le carni lavorate come salumi e insaccati.

Grassi

Le fonti di grassi più salutari sono alcuni oli vegetali come l’olio extravergine di oliva, le noci e la frutta secca, i semi oleosi e il pesce grasso.

Fibra

Un consumo elevato di fibre alimentari apporta benefici alla salute e riduce il rischio di numerose malattie. Esempi di alimenti ricchi di fibre sono: avena, semi di chia, noci, mandorle, frutta secca in generale, semi oleosi, legumi, mirtilli, prodotti a base di cereali integrali, quinoa, riso integrale, verdure a foglia verde come i cavoli, e frutta con buccia commestibile come pere e mele.

Vitamine

Le vitamine sono sostanze organiche di cui il nostro corpo ha bisogno per funzionare correttamente. La maggior parte delle organizzazioni sanitarie identifica tredici vitamine: A, B1, B2, B3, B5, B6, B7, B9, B12, C, D, E e K. Seguire una dieta varia ed equilibrata è importante per garantire un adeguato apporto di tutte le vitamine.

Minerali

Come le vitamine, i minerali sono micronutrienti necessari al nostro corpo per funzionare correttamente. La maggior parte delle organizzazioni sanitarie identifica sedici minerali: calcio, cloruro, cromo, rame, fluoruro, iodio, ferro, magnesio*, manganese, molibdeno, nichel, fosforo, potassio, selenio, sodio, zinco. E' importante seguire una dieta varia per garantire un corretto apporto di tutti questi minerali.

* Il magnesio è controindicato nelle persone con MG quando somministrato per via endovenosa poiché può causare una crisi miastenica. Anche l’integrazione di magnesio dovrebbe essere utilizzata con estrema cautela in caso di MG a causa del potenziale rischio di peggioramento dei sintomi e di crisi miastenica. [27]

Fitonutrienti

I fitonutrienti sono sostanze chimiche naturali che si trovano negli alimenti vegetali e che ci proteggono dalle malattie croniche. Il modo migliore per beneficiare dei potenti effetti sulla salute dei fitonutrienti è semplicemente quello di includere nei tuoi pasti il maggior numero possibile di alimenti colorati a base vegetale, a partire da frutta e verdura.

Probiotici

I probiotici sono alimenti o integratori che contengono microrganismi vivi in grado di mantenere o addirittura migliorare la composizione della popolazione di batteri “buoni” nel nostro corpo, nota come microbiota. Il consumo di probiotici è particolarmente importante per le persone con MG. Alcuni esempi di alimenti probiotici sono alimenti fermentati come yogurt, kefir di latte e kefir d'acqua, verdure fermentate come crauti e sottaceti, tempeh, kimchi, miso e kombucha.

Scopri di più:

Crea il tuo piano alimentare settimanale per aiutarti a rimanere in pista

Una routine alimentare sana è un modo di mangiare piacevole e gustoso che incorpora una grande varietà di cibi sani. Variare ciò che mangi su base giornaliera e settimanale è il modo migliore per garantire che il tuo corpo riceva tutti i nutrienti di cui ha bisogno per funzionare correttamente e combattere la MG. Pertanto, avere un programma alimentare settimanale può aiutarti a mantenere una routine alimentare sana e varia.

Come regola generale, ci sono alcuni alimenti che possono essere consumati tutti i giorni, altri un po' di volte alla settimana, e altri che è meglio evitare o mangiare sporadicamente.

Cibi da mangiare tutti i giorni

  • Cereali e pseudocereali integrali 
  • Verdure  
  • Frutta
  • Frutta secca e semi oleosi 
  • Alimenti e bevande probiotici (particolarmente importanti in caso di MG)

Alimenti da mangiare un po' di volte a settimana

  • Legumi
  • Carne bianca
  • Pesce
  • Funghi
  • Prodotti a base di soia
  • Latticini
  • Uova

Cibo da evitare o mangiare sporadicamente

  • Carne rossa
  • Carni lavorate (come salumi e insaccati)
  • Cibi raffinati, come i carboidrati raffinati (per esempio pane bianco e riso bianco)

Alcune delle diete consigliate per la MG enfatizzano il consumo di cibi che contengono alcuni micronutrienti che svolgono un ruolo nella contrazione muscolare, come le banane in quanto ricche di potassio.

Tuttavia, quando si segue una routine alimentare sana, equilibrata e varia non è necessario concentrarsi su un singolo macro o micronutriente specifico. Infatti, una dieta varia e bilanciata soddisferà naturalmente la quantità giornaliera necessaria dei nutrienti di cui hai bisogno, compreso il potassio.

Scopri di più:


2. Ottimizza i tuoi livelli di vitamina D3

Il sole è il modo migliore per il nostro corpo di produrre vitamina D in modo naturale

La vitamina D, spesso definita la “vitamina del sole”, svolge un ruolo cruciale nella nostra salute.

I livelli considerati ottimali di vitamina D nel sangue variano tra gli esperti, ma è generalmente accettato che questi dovrebbero essere ben al di sopra di 30 nanogrammi per millilitro di plasma (30 ng/ml). Alcuni suggeriscono un minimo di 40, mentre altri consigliano 60 o addirittura 80. In ogni caso tutti concordano che fino a 100 il range è adeguato, e solo da 150 in poi dovremmo cominciare a preoccuparci dei possibili effetti negativi. [1] [2]

Assunzione raccomandata di vitamina D

La quantità di vitamina D che assumiamo con gli alimenti o gli integratori viene misurata in microgrammi (mcg) o unità internazionali (IU). 1 mcg di vitamina D equivale a 40 UI.

La quantità raccomandata standard per uomini e donne di età pari o superiore a 19 anni è di 600 UI (15 mcg) al giorno, mentre per gli adulti con più di 70 anni è di 800 UI (20 mcg) al giorno. Questa quantità, tuttavia, è stata determinata esclusivamente come la quantità necessaria per mantenere le ossa sane e il normale metabolismo del calcio nelle persone sane. Quindi non tiene conto degli altri benefici per la salute della vitamina D. [1] Secondo diversi esperti, infatti, la quantità raccomandata ufficiale è molto bassa e insufficiente per una salute ottimale. [2]

Il nostro corpo produce naturalmente vitamina D quando esposto alla luce solare diretta. La quantità prodotta è compresa tra 15 e 25.000 unità internazionali. Purtroppo lo stile di vita moderno spesso limita la nostra esposizione al sole, causando una diffusa carenza di vitamina D. [2]

Alcuni alimenti ricchi di vitamina D sono i pesci grassi come salmone, aringhe e sardine, olio di fegato di merluzzo, tonno in scatola, tuorli d'uovo e funghi (in particolare se sono stati esposti alla luce solare diretta prima del consumo). In ogni caso la quantità di vitamina D che possiamo ottenere dal cibo è limitata e potrebbe non essere sufficiente per mantenere livelli ottimali.

Quando l’esposizione al sole e la dieta non sono sufficienti a soddisfare il nostro fabbisogno di vitamina D, gli integratori possono essere uno strumento utile. Tuttavia, è importante ricordare che la vitamina D è liposolubile e può accumularsi nel corpo, portando a potenziali rischi di tossicità se consumata in eccesso. Pertanto, l'uso degli integratori dovrebbe essere effettuato con cautela e sotto la supervisione di un operatore sanitario.

Il livello ufficiale massimo di assunzione tollerabile di vitamina D, definito come la massima dose giornaliera che difficilmente può causare effetti dannosi sulla salute, è di 4.000 UI (100 mcg) per adulti e bambini dai 9 anni in su. [1] Questo limite è stato messo in discussione da diversi esperti che ritengono che un limite giornaliero più ragionevole sarebbe di 10.000 UI (250 mcg) solamente per l'integrazione di vitamina D. [2]

Vitamina D ed esposizione al sole

Se riusciamo a mantenere i nostri livelli di vitamina D tra 60 e 80 nanogrammi per millilitro di plasma, siamo a un livello ottimale in cui il fabbisogno di vitamina D viene soddisfatto. Questo livello corrisponde ad un fabbisogno di circa 15-20.000 unità internazionali al giorno. [2]

Il nostro corpo può produrre vitamina D da solo se esposto alla luce solare diretta. La quantità massima di vitamina D che il nostro organismo può produrre è di circa 20.000 unità internazionali. Per produrle sono necessari circa 15-20 minuti di esposizione al sole nelle ore centrali della giornata di una bella giornata estiva, lasciando scoperta almeno metà della superficie corporea (ad esempio viso, braccia e gambe) e senza alcuna protezione solare. [2]

Per raggiungere la stessa produzione al mattino o nel tardo pomeriggio è necessario circa il doppio del tempo di esposizione. E se esponiamo meno di metà della nostra superficie corporea, ci vorrà ancora più tempo. [2]

Con l’esposizione al sole non c’è rischio di tossicità da vitamina D perché il nostro corpo crea esattamente la quantità di vitamina di cui ha bisogno e poi smette di produrla. [2]

Vitamina D per i pazienti con MG

Una ricerca del 2012 su 83 partecipanti ha studiato se la carenza di vitamina D è presente nelle persone con MG e se l’integrazione di vitamina D ha effetti benefici sull'affaticamento causato dalla malattia. Lo studio ha osservato che i livelli plasmatici di vitamina D erano significativamente più bassi nelle persone con MG rispetto agli individui sani. [3]

Durante le visite di follow-up dopo 2,5-10 mesi (in media 6 mesi), lo studio ha osservato che l'integrazione di 800 UI al giorno di vitamina D3 (colecalciferolo) ha aumentato i livelli plasmatici di vitamina D e ha avuto un miglioramento del 38% nel punteggio composito MG (MGC = MG composite score in Inglese), un test utilizzato per valutare lo stato di affaticamento nei pazienti con MG.

I ricercatori di questo studio pertanto raccomandano il monitoraggio dei parametri della vitamina D nei pazienti con MG e l’integrazione con vitamina D3 quando i livelli sono bassi.

Esame del sangue della vitamina D

Se hai la MG, chiedi al tuo medico di prescriverti un esame del sangue per controllare i livelli di vitamina D. Può essere utile controllare regolarmente i livelli di vitamina D, soprattutto durante i mesi invernali quando la produzione nel corpo è generalmente più bassa.

Se i livelli sono carenti, potrebbe essere necessaria un'integrazione. In ogni caso la migliore fonte di vitamina D rimane il sole, quindi assicurati di trascorrere del tempo all’aria aperta quando possibile.


3. Mangia probiotici e prebiotici tutti i giorni

Mangiare cibi probiotici contribuisce a un microbioma sano e svolge un ruolo importante nel promuovere il corretto funzionamento del corpo umano.

Recenti studi su pazienti con MG del 2023 [4] e del 2022 [5] hanno studiato il ruolo dei probiotici nella patogenesi e nel decorso clinico della Miastenia Gravis, osservando che il consumo regolare di alimenti probiotici e prebiotici può avere impatti positivi.

Questi studi hanno concluso che “la somministrazione di probiotici è stata in grado di ripristinare i disturbi intestinali e il miglioramento dei sintomi nei pazienti con MG”. [4]

Il ruolo dei probiotici nella MG è stato investigato anche in numerosi studi su modelli animali. Queste ricerche hanno osservato che la somministrazione di probiotici è stata in grado di migliorare la progressione della Miastenia Gravis autoimmune sperimentale (EAMG, dall'inglese Experimental Autoimmune Myasthenia Gravis). [7] [8]

Scopri di più:


4. Dai la priorità agli alimenti antinfiammatori

I mirtilli hanno proprietà antinfiammatorie

L’infiammazione cronica di basso grado è stata descritta come un fattore iniziale o aggravante della MG. [4] Studi recenti hanno scoperto che le malattie autoimmuni, inclusa la MG, sono associate a uno stato pro-infiammatorio del microbiota intestinale. [4] [5]

I seguenti alimenti hanno dimostrato proprietà antinfiammatorie, quindi per le persone con MG è una buona idea consumarli regolarmente. [8] [9] [10] [11]

Elenco degli alimenti antinfiammatori

  • Verdure, come broccoli, cavolo riccio, peperoni, peperoncini, cavoletti di Bruxelles, cavolfiore, cavolo in generale, cipolle
  • Verdure a foglia verde come spinaci e cavolo verza
  • Frutta, soprattutto quella dai colori intensi come mirtilli, fragole, e melograni; uva, ciliegie, mele, pomodori, agrumi
  • Alimenti ricchi di fibre in generale, in particolare legumi e cereali integrali come orzo, avena e crusca
  • Frutta ricca di grassi come avocado e olive
  • Grassi sani come olio extra vergine di oliva, olio di avocado / arachidi / semi di lino / canola
  • Pesci grassi come salmone, sardine, aringhe, sgombro, acciughe e tonno
  • Frutta secca come mandorle, noci pecan e semi oleosi come semi di lino, di zucca e di sesamo
  • Funghi
  • Fagioli di soia
  • Spezie come curcuma, fieno greco e cannella
  • Cioccolato fondente e cacao, tè verde e caffè (con moderazione)

5. Gestisci gli effetti collaterali dei farmaci con la dieta

Alcuni alimenti possono mitigare gli effetti collaterali dei farmaci

I corticosteroidi come il prednisone possono causare una serie di effetti collaterali.

Alcuni alimenti possono aiutare a mitigare gli effetti collaterali del prednisone e di altri farmaci.

Aumento di peso

Se stai assumendo corticosteroidi come il prednisone o se ti senti debole e incapace di fare esercizio fisico, mantenere un peso sano potrebbe essere difficile. In questi casi, dovresti fare uno sforzo in più per evitare di mangiare troppo.

Non è necessario contare le calorie o pesare il cibo, può essere sufficiente mangiare più lentamente e concentrarsi sul senso di sazietà. Quando stai per sentirti sazio, allora è il momento giusto per concludere il pasto.

Se continui ad aumentare di peso, dovresti ritoccare la tua routine alimentare in modo da mangiare leggermente meno finché non vedi che il tuo peso sta andando nella giusta direzione.

Se stai cercando di perdere o tenere il tuo peso sotto controllo, pesarti ogni giorno può essere una buona idea. Il momento migliore per pesarsi è la mattina appena alzati dal letto e prima di mangiare o bere qualsiasi cosa. Uno studio del 2015 ha osservato che pesarsi tutti i giorni aiuta con la perdita e il controllo del peso. [12]

Sono disponibili diverse app per monitorare il tuo peso, per esempio Fitbit. Diventando consapevole di come il tuo peso evolve nel tempo e osservandone brevemente l'andamento ogni mattina, sarai più propenso ad adottare comportamenti che ti aiuteranno a controllare il tuo peso.

Perdita di massa ossea

Il prednisone può accelerare la naturale perdita ossea che avviene con l’età.

Sia la vitamina D che il calcio sono importanti per la salute delle ossa.

La dose giornaliera raccomandata (RDA = Recommended Daily Allowance in Inglese) di calcio per le donne di età compresa tra 19 e 50 anni è di 1.000 mg al giorno; per le donne con più di 51 anni, 1.200 mg. Per le donne in gravidanza e in allattamento, la RDA è di 1.000 mg. Per gli uomini di età compresa tra 19 e 70 anni, la RDA è di 1.000 mg; per gli uomini di età superiore a 71 anni, 1.200 mg. [13]

Studi hanno evidenziato gli svantaggi di alti livelli di integrazione di calcio, ma non del calcio ottenuto attraverso una dieta regolare. Questi svantaggi includono un aumento del rischio di calcoli renali e un aumento del rischio di infarto. [14]

Se riesci a ottenere almeno 700 mg di calcio dal cibo e a garantire un adeguato apporto di vitamina D, questo dovrebbe essere sufficiente. [14] Se non sei sicuro, consulta il tuo medico prima di assumere integratori di calcio.

Scopri di più:

Diarrea

Se i farmaci per la MG ti provocano diarrea, gli alimenti che mangi e che eviti possono essere fondamentali per risolvere il problema.

Ecco alcuni suggerimenti nutrizionali in caso di diarrea. [15] [16]

  • Liquidi: bere molti liquidi è importante per mantenersi idratati e reintegrare i liquidi persi
  • Probiotici: I probiotici possono aiutare a ripristinare il microbiota messo a dura prova dalla diarrea
  • Alimenti ricchi di potassio: la diarrea può abbassare i livelli di potassio. Il potassio è ampiamente disponibile in molti alimenti, in particolare frutta e verdura. Verdure a foglia verde, legumi, noci, latticini e verdure amidacee come la zucca invernale sono fonti ricche di potassio. [17] Alcuni degli alimenti ricchi di potassio migliori in caso di diarrea sono succo d'arancia, banane, patate, avocado e albicocche.

Anche le seguenti raccomandazioni possono aiutare, ma dovrebbero essere seguite solo per il tempo necessario per riprendersi dalla diarrea (di solito solo pochi giorni). I seguenti consigli, infatti, possono aiutare in caso di diarrea ma non sono ottimali dal punto di vista nutrizionale poiché non forniscono all'organismo tutti i nutrienti di cui ha bisogno.

  • Dieta BRAT: in caso di diarrea è possibile seguire la dieta BRAT (dall'inglese "Bananas, Rice, Applesauce, and Toast"), che prevede appunto banane, riso, salsa di mele e toast a base di farina bianca. Questi alimenti sono poveri di fibre, quindi non aggravano il sistema digestivo in caso di diarrea. Possono anche aiutare a rassodare le feci.
  • Cibi "blandi": altri cibi blandi che possono aiutare sono i cereali cotti, come la farina d'avena, la crema di grano, i cracker, il succo di mela senza zuccheri aggiunti, le patate al forno o bollite
  • Cibi salati: mangiare un po’ più salato del solito può aiutare a mantenere i livelli di liquidi nel corpo

Disturbi di stomaco

Alcuni farmaci possono causare disturbi allo stomaco. In questo caso, i seguenti alimenti possono aiutare. [18]

  • Lo zenzero può aiutare a ridurre la nausea e il vomito
  • La camomilla può aiutare in caso di disturbi allo stomaco e all’intestino
  • La menta piperita, in particolare se consumata come olio, può ridurre il dolore di stomaco, gonfiore, gas e diarrea
  • La liquirizia può aiutare in caso di difficoltà digestive e può anche aiutare a prevenire ulcere allo stomaco. La radice di liquirizia deglicirrizinata (DGL), disponibile come integratore alimentare, può essere utile per alleviare il mal di stomaco e i problemi digestivi causati da ulcere o reflusso acido
  • I semi di lino, consumati macinati, come farina o olio di semi di lino, possono aiutare a regolare i movimenti intestinali e alleviare la stitichezza
  • La papaia può migliorare la digestione e aiutare in caso di ulcere e parassiti. Il concentrato di papaia può aiutare ad alleviare la stitichezza, il gonfiore e le ulcere allo stomaco, mentre i semi possono aiutare ad eliminare i parassiti intestinali.
  • Gli alimenti ricchi di probiotici, in particolare i latticini fermentati come lo yogurt, possono aiutare a regolare i movimenti intestinali e fornire sollievo sia dalla stitichezza che dalla diarrea
  • Bere liquidi a sufficienza è importante soprattutto in caso di vomito o diarrea

Ritenzione idrica

Se il prednisone ti provoca ritenzione di liquidi puoi ridurre o evitare il sale, almeno temporaneamente. In questi casi bisogna prestare particolare attenzione alle etichette degli alimenti per identificare quali alimenti sono ricchi di sale. Alcuni esempi includono alcuni pasti surgelati, zuppe e verdure in scatola, carni affumicate e stagionate, e snack salati.

Scopri di più:


6. Fai pasti o intere giornate a base di alimenti integrali e vegetali

Scopri i segreti dei fitonutrienti nei colori degli alimenti

Mangiare pasti composti da cibi naturali e integrali a base vegetale, tra cui molta frutta e verdura, svolge un ruolo fondamentale in una alimentazione sana.

Se normalmente segui una routine alimentare onnivora, un buon modo per aumentare l'assunzione di cibi a base vegetale è fare pasti o giorni interi completamente a base di cibi naturali integrali vegetali (cioè pasti / giorni vegani e salutari) nel tuo programma alimentare.

Una donna di 56 anni affetta da MG e sindrome miastenica di Lambert-Eaton ha sperimentato per 5 mesi una dieta esclusivamente a base di alimenti integrali di origine vegetale. Come risultato ha sperimentato un miglioramento soggettivo nella qualità della vita, nella riduzione del dolore correlato alla fibromialgia e nei sintomi generalizzati della malattia neuromuscolare. Ha riscontrato miglioramenti anche in altre condizioni mediche croniche, come l'ipertensione e il diabete, e ha perso quasi 9 Kg di peso durante i 5 mesi di durata dello studio. [19]

Questo "case study" è stato pubblicato nel maggio 2021 sull'American Journal of Lifestyle Medicine ed è disponibile su PubMed seguendo il link fornito nella sezione dei riferimenti più in basso [19].

Scopri di più:


7. Prova il decotto Fufang Huangqi (se disponibile)

Il decotto Fufang Huangqi può avere effetti positivi sul microbiota intestinale

La medicina tradizionale cinese si basa su farmaci composti da molte erbe diverse con principi attivi sia conosciuti che sconosciuti che possono avere diverse indicazioni mediche.

Studi recenti hanno scoperto che il decotto Fufang Huangqi può alleviare i sintomi dei pazienti con MG e portare a riduzioni nella dose e alla sospensione dei medicinali assunti per la MG. [20] [21]

Questi studi sono disponibili nella sezione dei riferimenti più in basso [20] [21]. Sono inoltre menzionati in questo articolo sul portale web Myasthenia Gravis News (in Inglese): Chinese Medicinal Formula May Ease MG by Acting On Gut Microbiota.

Il decotto di Fufang Huangqi migliora i sintomi della MG

Uno studio del 2022 è stato condotto su 100 pazienti con MG a cui è stato somministrato il decotto di Fufang Huangqi. [20]

100 ml di decotto, composto principalmente da Huangqi (Radix Astragali Mongolici), Danggui (Radix Angelicae sinensis), Gouqizi (Fructus Lycii), Yimucao (Herba Leonuri Japonici), Baizhu (Rhizoma Atractylodis Macrocefale), e altri costituenti, è stato somministrato per via orale due volte al giorno (prima di colazione e dopo cena).

La durata media del trattamento è stata di (15,6 ± 11,5) mesi (intervallo: 0,5-55 mesi).

Lo studio lo ha concluso che “Il decotto Fufang Huangqi è efficace per il trattamento della MG di tipo I e II e migliora i sintomi clinici associati. Inoltre, questo agente favorisce la riduzione della dose e la sospensione dei farmaci di base per la MG, riducendo così gli effetti collaterali riscontrati dai pazienti”.

Un'altra ricerca del 2022 ha studiato l’effetto del decotto Fufang Huangqi sul microbiota intestinale in otto pazienti con MG di classe I o II. [21]

Anche in questo caso il decotto è stato assunto per via orale prima di colazione e dopo cena (100 ml/dose).

Lo studio ha rilevato che la somministrazione del decotto Fufang Huangqi ha migliorato il microbiota intestinale dei pazienti “ha ottenuto una notevole attenuazione dei sintomi”.

Lo studio ha inoltre concluso: “Il decotto Fufang Huangqi fa effetto entro 4 settimane, migliorando notevolmente i sintomi. Dopo l’uso del decotto Fufang Huangqi per 3-5 anni, i sintomi si stabilizzano e la dose della medicina occidentale può essere ridotta per ridurre gli effetti collaterali”.

Radice di astragalo (Huangqi)

Nei paesi occidentali, potrebbe essere difficile trovare il decotto Fufang Huangqi. Tuttavia, lo Huangqi (Radix Astragali Mongolici), che è l'ingrediente principale del decotto Fufang Huangqi e conosciuto come "radice di astragalo" in inglese è facile da trovare.

Cerca “astragalus root” su Amazon o su Google, oppure puoi trovarlo anche in farmacia.

Il consumo di astragalo sembra apportare numerosi benefici per la salute. Sebbene non vi sia consenso ufficiale sulla forma o sul dosaggio più efficace dell'astragalo, la dose tipica è di 9-30 grammi al giorno. [22]

Gli studi sulla MG menzionati sopra [20] [21] potrebbero suggerire di provare l'astragalo due volte al giorno (prima di colazione e dopo cena), poiché questo è l'ingrediente principale del decotto Fufang Huangqi.

Tuttavia, un altro studio specifico sulla radice di astragalo fornisce la seguente raccomandazione: 'Dosi molto elevate possono sopprimere il sistema immunitario. Pertanto i pazienti dovrebbero evitare l’uso dell’astragalo se stanno assumendo farmaci immunosoppressori. Le donne incinte o che allattano non dovrebbero usare la radice di astragalo. Se una persona ha una malattia del sistema immunitario, come la sclerosi multipla, il lupus, l’artrite reumatoide o un’altra condizione nota come “malattia autoimmune”, quella persona non dovrebbe usare la radice di astragalo.'‘ [23]

Alla luce di queste osservazioni controverse sulla radice di astragalo, non dovresti cominciare una integrazione di radice di astragalo di tua iniziativa. Se sei interessato a provare la radice di astragalo da sola (cioè non sotto forma di decotto Fufang Huangqi), devi prima discuterne l'opportunità con il tuo medico.

Cosa fare se non trovi il decotto Fufang Huangqi

L’assunzione del decotto Fufang Huangqi è stato correlato ad un significativo miglioramento del microbiota intestinale. [21] Ciò conferma l’importanza di mantenere un microbiota sano in caso di MG.

Come evidenziato in precedenza, il modo migliore per prendersi cura del proprio microbiota è consumare regolarmente alimenti prebiotici e probiotici.

In conclusione, se non riesci a trovare il decotto Fufang Huangqi, cosa che potrebbe essere difficile nei paesi occidentali, puoi semplicemente concentrarti sul consumo regolare di alimenti prebiotici e probiotici.


8. Evita il digiuno

Molto probabilmente il digiuno non è utile per i pazienti affetti da Miastenia Gravis

Diverse forme di digiuno terapeutico, come il digiuno intermittente, sono attualmente in voga tra le persone attente alla salute.

Tuttavia, al momento non ci sono prove che questa pratica sia indicata in caso di MG.

Una ricerca del 2020 ha studiato gli effetti del digiuno (per il Ramadan) in 141 pazienti con MG. Questo è l'unico studio ad oggi che ha studiato il ruolo del digiuno nella MG.

Anche se il digiuno del Ramadan tra i partecipanti allo studio di è dimostrato sicuro e ben tollerato per la maggior parte dei pazienti affetti da MG, lo studio non ha mostrato benefici evidenti derivanti dal digiuno. Pertanto sono necessari ulteriori studi per valutare la sicurezza e l’efficacia del digiuno nelle persone con MG. [24]


9. Se necessario, segui alcuni suggerimenti per facilitare la deglutizione

Alcuni suggerimenti possono aiutare se la miastenia rende difficile la deglutizione

In alcuni casi più gravi, la MG può indebolire i muscoli coinvolti nel mangiare e nel bere.

Questo tipo di problemi possono essere molto soggettivi, quindi ciò che aiuta una persona potrebbe non aiutare un’altra. Ad ogni modo, alcune tra raccomandazioni più adottate in caso di difficoltà nel mangiare e nel bere in caso MG sono le seguenti. [25] [26]

  • Mangia lentamente e riposa un po' tra un boccone e l'altro secondo la tua necessità
  • Prova a tenere la testa in direzioni diverse per scoprire quale posizione ti rende più facile deglutire
  • Consuma diversi pasti più piccoli e più frequenti, piuttosto che pochi pasti più abbondanti
  • Consuma il pasto principale nel momento della giornata in cui hai più energia
  • Alcuni alimenti vegetali come certa verdura, frutta e legumi, che sono molto importanti per la salute, potrebbero essere difficili da mangiare. Per facilitarti il consumo di questi alimenti, prova a tagliarli in pezzetti molto piccoli, a schiacciarli o ad usarli per preparare una purea.
  • Per quanto riguarda le proteine animali, dai la priorità a quelle che hanno una consistenza tenera come pesce, pollo, uova, e latticini a basso contenuto di grassi rispetto ad altri tipi di proteine più dure come la bistecca di manzo. Puoi anche sminuzzare o tritare la carne per renderla più facile da masticare.
  • Inumidisci i cibi solidi con condimenti o salse a tua scelta per renderli più teneri, ad esempio con brodo o yogurt
  • Prepara dei frullati in modo da poter bere i tuoi nutrienti senza dover masticare
  • Evita cibi secchi e friabili che potrebbero rimanere attaccati alla gola

10. Mantieni uno stile di vita sano

Avere una vita sana e attiva

Sebbene sia molto importante, mangiare sano è solo una delle componenti di uno stile di vita sano.

Per combattere la MG devi prenderti cura anche di altri aspetti della tua vita che possono aiutarti a migliorare il tuo benessere.

I ricercatori dell’Università di Harvard hanno identificato i fattori che possono massimizzare le possibilità di una vita più sana e più lunga.

  1. Adottare una sana routine alimentare
  2. Svolgere regolarmente attività fisica
  3. Mantenere un peso sano
  4. Non fumare
  5. Consumare alcol in moderazione
  6. Ottimizzare la qualità del sonno
  7. Mantenere connessioni sociali positive
  8. Avere uno scopo/significato nella vita
  9. Mantenere il cervello attivo

Scopri di più:


Riferimenti

[1] Vitamin D | The Nutrition Source | Harvard T.H. Chan School of Public Health

[2] Vitamina D: sole, cibo o integratori? - Youtube

[3] Vitamin D deficiency in patients with myasthenia gravis and improvement of fatigue after supplementation of vitamin D3: a pilot study – PubMed (nih.gov)

[4] Il ruolo del microbiota umano nella miastenia grave: una revisione narrativa – PMC (nih.gov)

[5] Nutrients | Free Full-Text | Exploring the Gut Microbiome in Myasthenia Gravis (mdpi.com)

[6] Effetto profilattico dei probiotici sullo sviluppo della miastenia gravis autoimmune sperimentale – PubMed (nih.gov)

[7] Therapeutic Effect of Bifidobacterium Administration on Experimental Autoimmune Myasthenia Gravis in Lewis Rats – PubMed (nih.gov)

[8] Alimenti che combattono l'infiammazione – Harvard Health

[9] Anti-Inflammatory Diet 101: How to Reduce Inflammation Naturally (healthline.com)

[10] Guida rapida a una dieta antinfiammatoria – Harvard Health

[11] A Full List of the Most Anti-Inflammatory Foods You Can Eat (healthline.com)

[12] Weighing every day matters: daily weighing improves weight loss and adoption of weight control behaviors – PubMed (nih.gov)

[13] Calcium | The Nutrition Source | Harvard T.H. Chan School of Public Health

[14] Di quanto calcio hai veramente bisogno? – Salute di Harvard

[15] What to Eat and What to Avoid When You Have Diarrhea (healthline.com)

[16] Cosa mangiare quando si ha la diarrea – Cleveland Clinic

[17] Potassium | The Nutrition Source | Harvard T.H. Chan School of Public Health

[18] The 12 Best Foods for an Upset Stomach (healthline.com)

[19] Five-Month Trial of Whole-Food Plant-Based Diet in a Patient With Coexisting Myasthenia Gravis and Lambert-Eaton Myasthenic Syndrome – PMC (nih.gov)

[20] Effetto del trattamento con decotto Fufang Huangqi (复方黄杞汤剂) sulla riduzione della dose e sull'interruzione delle compresse di piridostigmina bromuro, prednisone e tacrolimus in pazienti con miastenia grave di tipo I o II

[21] Effect of Fufang Huangqi Decoction on the Gut Microbiota in Patients With Class I or II Myasthenia Gravis

[22] Astragalo (Huáng Qí): benefici, effetti collaterali e dosaggio (healthline.com)

[23] Implicazioni antietà dell'astragalo membranaceo (Huangqi): un noto tonico cinese - PMC (nih.gov)

[24] Associazione tra digiuno del Ramadan ed esiti clinici nei pazienti con miastenia grave – PMC (nih.gov)

[25] Tips for Eating with Myasthenia Gravis (MG)

[26] Eating & Drinking with MG: Helpful Tips (myasthenia-gravis.com)

[27] Drugs That Induce or Cause Deterioration of Myasthenia Gravis: An Update

Al momento stai visualizzando Myasthenia Gravis Diet: How To Eat For Better Health
Uno stile di vita sano e una dieta equilibrata possono apportare grandi benefici alle persone affette da Miastenia Gravis (MG)